Un biglietto per visitare la basilica poponiana

La novità introdotta dallo scorso 1° marzo permetterà di affrontare in maniera adeguata le cospicue spese che il complesso storico richiede alla So.Co.B.A. per la conservazione e valorizzazione

Un biglietto per visitare la basilica poponiana

Dal 1 marzo sono entrate in vigore le nuove tariffe d’ingresso e i nuovi orari per visitare il Complesso basilicale e la Domus e Palazzo episcopale ad Aquileia.
“La novità più rilevante riguarda la Basilica che, – come ha sottolineato Alberto Bergamin, direttore della Società per la Conservazione della Basilica di Aquileia – dallo scorso 1 marzo è visitabile dai turisti a fronte del pagamento di un biglietto di euro 3 che consentirà l’accesso alla Basilica e alla Cripta degli Affreschi, mentre l’ingresso per motivi di culto rimane sempre libero e gratuito.
“La “Società per la Conservazione della Basilica di Aquileia” – come ricorda Bergamin – è un ente no profit che si occupa della tutela, valorizzazione e salvaguardia della Basilica di Aquileia. Il nostro servizio consiste nell’accoglienza, la pulizia degli ambienti, l’illuminazione, la messa a disposizione del materiale informativo, la salvaguardia del luogo di culto e la garanzia dell’apertura di questo straordinario scrigno d’arte e di fede con un orario ampio sia per i fedeli che per i visitatori aiutandoli a comprendere la storia dell’edificio, delle opere e degli uomini che l’hanno costruito e vissuto. L’ampio orario di apertura della Basilica, così come avviene oggi, è una risposta doverosa anche nei confronti degli Enti e delle Istituzioni che hanno contribuito in questi anni ai lavori di valorizzazione e restauro”.
“Per assicurare questi servizi – sottolinea Bergamin –  ed intervenire ogni anno con restauri e manutenzioni chiediamo ai visitatori un modesto contributo d’ingresso. Il piccolo contributo di tante persone provenienti da tutto il mondo, fa in modo che la Basilica possa essere visitabile e che questo patrimonio venga tramandato alle future generazioni”  .
La gratuità è inoltre riconosciuta ai residenti nel comune di Aquileia, ai minori di 10 anni, ai giornalisti, a disabili e accompagnatore, insegnanti accompagnatori delle scolaresche (1 capogruppo ogni 20 paganti) e ai possessori della FVG Card.
È stato introdotto inoltre lo sconto famiglie
(ingresso gratuito per i minori di 18 anni accompagnati da due adulti paganti).
Dal 1 marzo inizia la bigliettazione anche per la Domus e Palazzo episcopale, “il sito inaugurato ad aprile 2017 – sottolinea Cristiano Tiussi, direttore della Fondazione Aquileia – è stato visitato finora gratuitamente da 22.000 persone e sarà accessibile con un biglietto da 2 euro e gratuito con FVG card, oppure con un biglietto cumulativo da euro 5 per “Domus-Battistero – Südhalle”.
Le altre tipologie di biglietto per visitare il complesso basilicale saranno 10 euro per “Basilica-Cripta Affreschi – Aula Teodoriana Nord -Battistero – Südhalle – Palazzo episcopale – Campanile”, 5 euro per “Basilica-Cripta Affreschi – Aula Teodoriana Nord”, euro 2 per il Campanile.
Per tutte le tipologie sono poi disponibili il biglietto ridotto per gruppi e il biglietto per scolaresche.
L’orario di apertura per tutto il compendio che affaccia su piazza Capitolo (Domus episcopale  e Complesso basilicale) sarà sino al 31 marzo dalle 9 alle 18 e dal 1 aprile al 30 settembre dalle 9 alle 19
Ulteriore novità introdotta nei giorni scorsi è data dal fatto che tutti i biglietti saranno in vendita al Bookshop che si affaccia su piazza Capitolo e per ottimizzare i tempi ci sarà una biglietteria dedicata ai gruppi collocata nell’edificio che si trova nei pressi dell’ingresso del cimitero degli Eroi vicino a piazza Patriarcato.

© Voce Isontina 2018 – Riproduzione riservata
http://www.voceisontina.eu/