Terzo, Tibald non si ripresenta E ad Aquileia bis di Spanghero

Al posto dell’uscente Contin, Musian o Furlan. L’opposizione schiererà Puntin Nella città romana la lista d’opposizione potrebbe allearsi con il centro sinistra

A Terzo, l’attuale sindaco, Michele Tibald, annuncia che il 27 maggio, quando saranno scrutinati i voti, sarà il suo ultimo giorno alla guida del Comune. «Il dibattito che coinvolge la politica regionale sul terzo mandato dei sindaci – le parole di Tibald – non mi appassiona e non mi riguarda». Il primo cittadino, dunque, smentisce le voci secondo le quali sarebbe in attesa di sapere se il consiglio regionale deciderà di concedere ai primi cittadini che hanno già governato dieci anni la possibilità di riproporsi per un terzo mandato. «Dopo due mandati è necessario lasciare spazio a persone che portino energie e stimoli nuovi. Fare il sindaco è l’avventura più straordinaria che possa capitare ma è un lavoro usurante. Dopo dieci anni ritengo che la comunità abbia il diritto e il dovere di individuare una figura nuova».

Resta ora da capire come si muoverà il centro sinistra in una delle sue roccaforti. I nomi che circolano sono quelli dell’assessore all’istruzione Francesco Contin, segretario del Pd locale, del vicesindaco Nicola Musian, indipendente senza tessere, e dell’assessore ai lavori pubblici Alessio Furlan. Pare essere fuori dai giochi la capogruppo di Progetto Democratico, Barbara Vatta, che avrebbe potuto rappresentare quella candidatura femminile auspicata da più parti. «Con un bel gruppo di cittadini – conclude Tibald – stiamo portando avanti un lavoro di ascolto per preparare un programma tale da rispondere alle esigenze della comunità e per individuare l’identikit del candidato migliore».

La civica di opposizione Per Terzo, invece, schiererà Denis Puntin, espressione anche del comitato per il no alla fusione. Puntin, 70 anni, imprenditore edile, è stato assessore, a Terzo, tra la fine anni’70 e inizi anni’80. È stato candidato alle regionali del 2013 con il Pd ed è stato presidente regionale Cna.

Grandi manovre anche ad Aquileia. Gabriele Spanghero vicino alla scadenza del primo mandato, non ha sciolto le riserve ma è probabile che tenterà il bis. «Alla luce del lavoro fatto e di quanto è stato predisposto e seminato, con impegno e tempo prezioso dedicato alla comunità – afferma Spanghero –, sarebbe normale raccogliere i frutti». È sicuro che ci sarà una lista trasversale, che avrà come finalità quella di «proporre un programma che prevede un riscatto per la città romana». Voci di corridoio parlano di tanti giovani a fianco di persone con una comprovata esperienza. Pare che nel gruppo di lavoro ci sarà anche il consigliere regionale Franco Mattiussi, il più votato, alle ultime elezioni, anche ad Aquileia.

La lista di opposizione Aquileia 2. 0 giocherà la partita. Qualcuno parla di una possibile alleanza con la lista che sosterrà il candidato sindaco del centro sinistra ma nessuno conferma. «Ci stiamo organizzando e stiamo programmando i lavori per i prossimi mesi e anni – spiega Francesco Zerbin, capogruppo –. Al momento non c’è alcuna alleanza». —

https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine