“Mar e Tiaris”, 9 comuni alleati per sviluppare il turismo slow

Presentato il progetto: percorsi ciclabili ed eventi da Grado alla Bassa friulana Sarà ristrutturata la Casa per ferie a Strassoldo. Ad Aquileia un luogo di sosta

Oltre a questi importanti lavori, sono stati progettati altri piccoli interventi con l’obiettivo di valorizzare luoghi che hanno un notevole pregio storico, architettonico, ambientale, archeologico e paesaggistico. È previsto un intervento di manutenzione sulla copertura della Casa per ferie di Strassoldo. Si provvederà anche al ripristino delle parti esterne e di quelle interne. All’interno dell’area Carlessa, inoltre, sarà realizzato un apposito percorso, con tabelle informative al fine di migliorare e incentivare l’utilizzo dell’area verde da parte dei cittadini. Con l’autorizzazione della Soprintendenza, inoltre, si provvederà all’eliminazione dell’attuale copertura del mosaico di piazza Marconi per sostituirla con una tettoia. Ad Aquileia, la cappella delle vergini, sarà dotata di alberature e di un luogo di sosta tale da permettere la raccolta d’informazioni sui tragitti ciclabili. Sempre nella città romana, è previsto il recupero del lavatoio, la messa in sicurezza del ponte romano e la sistemazione e ripristino delle fontane. A Terzo sarà ristrutturato l’ex municipio. Lungo la ciclabile Alpe Adria, inoltre, Terzo dispone uno slargo verde posto in corrispondenza a uno degli ingressi del paese. Il progetto intende disporre, nello slargo Berlinguer, un punto sosta verde. A Ruda sarà riqualificata l’area adiacente la chiesa di San Nicolò e sarà sistemata la segnaletica nella zona del ponte. A Fiumicello Villa Vicentina, come detto, si procederà all’intervento di manutenzione della copertura della casa di accoglienza di Borgo Sant’Antonio e al restauro della fontana. Non mancheranno punti d’interscambio, zone verdi e luoghi di ristoro.

«Il progetto – le parole del sindaco di Cervignano, Gianluigi Savino – parte da una visione di territorio che non può essere limitata ai confini dei Comuni. Assieme riusciamo a fare massa critica e a superare limiti anche di carattere amministrativo. È la prima volta che Grado guarda in maniera collaborativa a ciò che sta oltre il ponte e auspico che possa nascere una collaborazione sempre più importante per il territorio». —

https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine