La tedesca che ama Aquileia da 62 anni in vacanza in Friuli

Il Comune assegna un riconoscimento a Monika Reise, originaria di Francoforte Nel 2000 la donna ha comprato un’abitazione in paese dove intende stabilirsi

«Nomen omen, dicevano gli antichi romani – commenta comunale l’assessore alla cultura, Alviano Scarel –. Qualche persona ha nel suo nome il suo destino ed è questo il caso della signora Reise, cognome che si traduce in italiano con il termine viaggio. La signora Monika è venuta ad Aquileia in vacanza, per la prima volta, da bambina assieme ai genitori. Aveva solo 9 anni».

«La famiglia Raise, in quell’occasione, scelse di soggiornare al Camping Aquileia, gestito dalla famiglia Ritter, in località Monastero. Erano gli anni del secondo dopoguerra – racconta Scarel –, anni difficili per il nostro Paese ma anche per la Germania, uscita a pezzi dal secondo conflitto mondiale ma con una grande volontà di andare avanti. L’arrivo sulle nostre strade delle prime Opel e Taunus o dei primi maggiolini con le valige piene, per periodi di vacanza che erano ben più lunghi rispetto agli attuali, appariva come un’opportunità inaspettata per noi e il realizzarsi di un sogno per loro».

L’assessore Scarel sottolinea che Aquileia ha rappresentato qualcosa di veramente importante per questa famiglia tedesca. «Ha segnato il futuro. La famiglia Raise ha continuato a frequentare la nostra cittadina anche nei decenni successivi, con un camper, preferendo comunque e sempre la frescura e la tranquillità aquileiese. Nel 2000 hanno addirittura deciso di acquistare un’abitazione ad Aquileia, un vero e proprio buon ritiro per l’ultima stagione della vita, vissuta pienamente, benché con gli inevitabili acciacchi dell’età.

La signora Monika, che proviene da una grande città come Francoforte, ha sempre apprezzato la tranquillità, l’ordine e la pulizia di Aquileia ma anche la facilità nell’instaurare rapporti personali con le persone del luogo».

Durante la consegna del riconoscimento da parte della comunità, il sindaco, Gabriele Spanghero, ha espresso alla signora Raise, che si è commossa, l’augurio di trascorrere ancora tanti anni nella città romana.

«Sono orgogliosa di aver ricevuto questo riconoscimento – le parole di Monika –. Mi sono affezionata fin da quando ero bambina a questa cittadina, che mi ha accolta nel migliore dei modi, al punto tale da acquistare una casa proprio qui, dove amo trascorrere le mie vacanze». —

https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine