22 aprile 2018

Eccesso di velocità, quasi 200 multe E spunta la diffamazione a mezzo web

CERVIGNANO. Aumentano le contravvenzioni al codice della strada e, conseguentemente, gli incassi per il Comune. Il dato più eclatante è l’aumento vertiginoso, addirittura dell’895 per cento, delle contravvenzioni per mancato rispetto dei limiti di velocità: 199 nel 2017 e solo 20 nel 2016. Lo scorso anno ci sono stati più incidenti stradali ma con meno feriti gravi, più sanzioni per patenti scadute e per stranieri irregolari. Non mancano le denunce per diffamazione a mezzo internet.

Il bilancio degli interventi effettuati dagli agenti della municipale parla di un aumento di oltre il 40 per cento per quanto concerne il numero delle infrazioni. Nel 2017 sono state 1170 contro le 830 del 2016. Gli incassi sono passati da 79. 373 nel 2016 a 88. 888 del 2017. Se le mancate revisioni sono scese da 22 a 12, sono il 425 per cento in più gli automobilisti pizzicati con la patente scaduta: 21 contro 4 del 2016. Sono saliti da 2 a 4, invece, i cervignanesi al volante dell’auto senza assicurazione. Tre automobilisti, inoltre, sono stati denunciati per guida in stato di ebbrezza e hanno causato 3 incidenti, per fortuna non gravi. Segno più anche per gli incidenti stradali (6 nel 2016 e 21 nel 2017) ma con feriti gravi in diminuzione. Numerosi sinistri sono stati causati da una mancata precedenza (12 contro i 9 del 2016). Non mancano gli automobilisti che guidano senza allacciare le cinture o che utilizzano il cellulare al volante. Le sanzioni sono 15 (il dato è in linea con il 2016).

In materia di violazioni amministrative balza all’occhio l’aumento degli stranieri irregolari: 11 i verbali. Per quanto riguarda il benessere animale la situazione è migliorata: 6 verbali contro i 20 del 2016. Sono 3 i verbali legati a uno scorretto smaltimento dell’amianto, 3 i verbali per mancato sfalcio dei terreni verdi e 4 gli abusi edilizi.

Diversi i reati segnalati alla Procura. Una denuncia per diffamazione tramite social network, una denuncia per procurato allarme, sempre tramite social, 2 denunce per danneggiamenti e 5 per falsa dichiarazione a pubblico ufficiale. Ad Aquileia, inoltre, sono stati segnalati alla Procura gli organizzatori di una gara di motocross su un percorso abusivo. Non avevano le necessarie autorizzazioni.

«Siamo riusciti – il commento della comandante, Monica Micolini – a mantenere uno standard accettabile, nonostante le gravi carenze in organico e questo grazie allo sforzo degli operatori rimasti in servizio, che si sono prodigati per sostituire gli assenti anche oltre il normale orario di servizio. Attendiamo l’arrivo di 3 unità in sostituzione delle persone assenti dallo scorso anno. Speriamo entro la primavera, in modo tale da partire con i servizi dell’Uti con minori difficoltà».

09 gennaio 2018
http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine