Aquileia, trovato il corpo senza vita di un uomo nel fiume Terzo

E’ stato un cacciatore aquileiese a fare la macabra scoperta. Sono in corso indagini per capire che cosa possa essere accaduto: l’ipotesi è che sia morto per annegamento

di Elisa Michellut

AQUILEIA. È giallo nella Bassa. Il corpo senza vita di un uomo è stato trovato, nella tarda mattinata di oggi, domenica 14 ottobre, nel fiume Terzo, all’interno della riserva di caccia di Aquileia, in località Ponterosso, circa 150 metri dopo il ponte, in direzione Aquileia.

E’ stato un cacciatore aquileiese a fare la macabra scoperta. La vittima non è stata ancora identificata. Sono in corso indagini per capire che cosa possa essere accaduto. Di certo si sa soltanto che si tratta di un uomo tra i 40 e i 50 anni, caucasico. L’ipotesi è che sia morto per annegamento ma sarà l’autopsia a chiarire le cause del decesso. La salma è stata portata nella camera mortuaria dell’ospedale di Palmanova.

Stando a quanto riferito, potrebbe trattarsi di uieria persona scomparsa oppure di qualcuno che, dopo essersi sentito male, potrebbe essere caduto nel fiume accidentalmente. Non si esclude una morte violenta o un possibile suicidio. Al momento tutte le ipotesi restano aperte. I sindaci dei Comuni di Terzo, Michele Tibald, e di Aquileia, Gabriele Spanghero, informati, da domenica mattina sono al lavoro per cercare informazioni tra i residenti ma, al momento, non risultano persone scomparse. La vittima potrebbe abitare a Cervignano, Terzo oppure Aquileia.

Il fiume Terzo, infatti, parte proprio dal territorio di Cervignano, passa per il Comune di Terzo e arriva nella città romana. «Certo – ha spiegato chi era sul posto – qualcuno residente in altri Comuni della regione potrebbe, per qualche motivo, aver raggiunto queste zone ma, per il momento, le ricerche si concentrano in questo territorio». Domenica mattina era in pieno svolgimento una battuta di caccia all’interno della riserva aquileiese. Come detto, è stato un cacciatore a notare il corpo senza vita. «Mi sono avvicinato al fiume per abbeverare il mio cane – racconta Daniele -. Il corpo senza vita era impigliato in un albero.

La faccia era rivolta verso il basso. All’inizio ho pensato fosse uno spaventapasseri ma poi ho guardato le scarpe e ho capito che si trattava di un uomo. Ho provato ad avvicinare il corpo con un ramo ma era incastrato. Sono andato a casa di un allevatore del posto e, con un tubo lungo circa cinque metri, sono riuscito a liberare il corpo dal tronco dell’albero. L’ho tirato fino a riva e ho fatto in modo che non fosse portato via dalla corrente. In pochi minuti sono arrivati i carabinieri. Un’esperienza orribile».

Sul posto sono accorsi i carabinieri della stazione di Aquileia, i vigili del fuoco del distaccamento di Cervignano e il medico legale. «La battuta di caccia – spiega il direttore della riserva, Daniele Rusin – è stata immediatamente sospesa per consentire alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco di operare».

Il sindaco Spanghero conferma di non ancora essere in possesso d’informazioni utili all’identificazione. «Non abbiamo segnalazioni o notizie di persone che mancano da casa. Qualora dovesse emergere qualche informazione utile a ricostruire l’accaduto, ci relazioneremo subito con le forze dell’ordine. L’auspicio è che si tratti di un incidente, speriamo di poter escludere la morte violenta. Episodi del genere suscitano sempre tensioni e timori tra i cittadini, finché non sarà fatta chiarezza su quello che è successo».

14 ottobre 2018

http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine