Fedriga costretto a candidarsi

Serracchiani: “Avrebbe passato assai volentieri ancora una legislatura sui divani di Montecitorio o magari in qualche ruolo di sottogoverno”

“Salvini non può venire qua e raccontare la fiaba di Fedriga candidato per amore del Friuli Venezia Giulia: nessuno ha la memoria così corta”. Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, replicando al leader della Lega Matteo Salvini.‎
“Fedriga avrebbe passato assai volentieri ancora una legislatura  – ha indicato Serracchiani – sui divani di Montecitorio o magari in qualche ruolo di sottogoverno, se non fosse stato costretto a candidarsi in regione, dopo che, tra veti di vario genere, Forza Italia aveva esaurito i nomi da mettere sul tavolo. Salvini può sgolarsi a ripeterlo ma la candidatura di Fedriga non è il risultato di una scelta personale, come la mia, ma l’unico sistema per impedire che il centrodestra si spaccasse, in nome di giochi di potere tutti solo romani”.‎
Riguardo ai rimpatri dei profughi promessi da Salvini, Serracchiani ha dichiarato di restare”in attesa di veder partire i primi aerei carichi di profughi, alla volta di non si sa dove, visto che non ci sono accordi bilaterali con quasi tutti i Paesi di provenienza. Sono bufale elettorali. L’unica cosa che potrà fare Salvini, se riuscirà a mettere insieme un governo con Di Maio, sarà proseguire il lavoro di Minniti, che – ha concluso -gli sbarchi li ha fermati sul serio e non a chiacchiere”.‎

http://www.ilfriuli.it/index.aspx